Articoli
6 minuti
Architettura & Design
Architettura & Design

Alcuni architetti iraniani hanno realizzato un villaggio dalle forme e dai colori incredibili

18 febbraio 2021

Sull’isola di Hormuz, a sud dell’Iran, sorge un bellissimo villaggio dalle forme e colori particolarissimi. Si tratta del Majara Residence, un complesso di residenze culturali realizzato dallo studio iraniano ZAV Architects.

La realizzazione del villaggio fa parte di un progetto ancora più ampio chiamato “Presence in Hormuz 02”, che si propone di offrire agli abitanti un’alternativa politica ed economica all’unica attività redditizia sull’isola, ovvero il commercio illegale del petrolio. Attraverso la realizzazione di interventi architettonici e urbanistici da parte degli stessi isolani, il progetto vuole essere una forma di riscatto sociale della comunità di Hormuz.

Nella lingua persiana, il farsi, la parola “Majara” significa avventura. Il progetto di realizzazione del Majara Residence prevede la costruzione di cupole di terra dalle altezze e colori differenti. Le cupole vengono costruite con l’impiego della tecnica del “superdobe”, un’alternativa contemporanea al metodo della terra battuta, ideata dall’architetto iraniano Nader Khalili e considerata la tecnica più semplice e adatta per la costruzione di cupole.

La decisione degli architetti di impiegare colori differenti e dai toni accesi intende creare un effetto di contrasto con l’arido paesaggio naturale e allo stesso tempo risaltare all’occhio per chi arriva dal mare, rendendo il villaggio un punto di riferimento. Anche le pareti interne delle cupole sono pitturate con colori differenti, che in assenza di spazi divisori vengono impiegati per distinguere i vari ambienti della casa. Viste dall’alto, le numerose case colorate sulla spiaggia collegate tra loro formano una un’inedita topografia arcobaleno.

Alla base del progetto vi è l’intenzione di rispettare il carattere naturale dell’isola e le capacità dei suoi abitanti. Per questo motivo gli architetti hanno deciso di utilizzare esclusivamente materiali locali, facilmente reperibili e di impiegare solo manodopera locale.

In un’intervista gli architetti dello studio ZAV hanno dichiarato: “Il nostro progetto è un processo continuo che mira a costruire fiducia e legami tra i cittadini e i turisti che incuriositi verranno a visitare il villaggio”.

Vuoi informazioni sulla nostra consulenza e sui nostri servizi?

Naviga il sito e vedi tutti i contenuti di tuo interesse