Snack
4 minuti
Arte
Arte

Mantegna Ritrovato. Al Museo Poldi Pezzoli la Madonna con Bambino ritrova il suo vero volto.

14 gennaio 2021

A volte il restauro può cambiare il volto di un’opera: è il caso della Madonna col Bambino di Andrea Mantegna, il dipinto la cui storia artistica e legata al collezionismo è ricca di fascino.

Era il 1861, quando Giacomo Poldi Pezzoli acquistò Madonna col Bambino di Andrea Mantegna da Giovanni Morelli, storico d’arte. Due anni dopo, l’opera fu commissionata a Giuseppe Molteni, restauratore di fama mondiale, ai tempi richiestissimo dai più importanti musei d’Europa. La specialità di Molteni era quella del restauro “migliorativo”, un intervento mirato non solo a rimediare ai danni del tempo, ma anche ad accrescere il valore estetico delle opere. Fu nelle sue mani che il dipinto di Mantegna subì una vera e propria trasformazione: sulla veste vennero aggiunti marezzature dorate, le braccia della Vergine allungate, l’imposizione compositiva e prospettica fu modificata, i toni della tela scuriti e i contrasti alterati dall’aggiunta di una vernice protettiva. L’opera rimase in queste condizioni fino al 2019, quando il Museo Poldi Pezzoli decise di commissionare un nuovo restauro all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Dopo un anno, grazie all’intenso lavoro di collaborazione tra restauratori, storici d’arte e filosofi, si è riusciti a restituire al dipinto la sua identità originaria.

A fine 2020, Madonna col Bambino è tornata ad essere esposta al Poldi Pezzoli di Milano, alla quale il museo ha dedicato una mostra-dossier che racconta la storia del dipinto, le vicende collezionistiche e le diverse fasi del restauro. L’allestimento su due stanze arricchito da video, pannelli esplicativi e immagini, permetterà ai visitatori di immergersi nel fascino di quest’opera dalla storia travagliata e di riscoprirne la sua bellezza.

Vuoi informazioni sulla nostra consulenza e sui nostri servizi?

Naviga il sito e vedi tutti i contenuti di tuo interesse