Articoli
5 minuti
My Expert
My Expert

SERVIZIO STUDI BNL | 2020: un anno complesso per le imprese italiane

02 luglio 2021

Ascolta il podcast di Paolo Ciocca, Economist Servizio Studi

Nel 2020, le imprese italiane hanno provato a contrastare gli effetti sui conti della caduta della produzione. Si è ridotto il peso dei costi di produzione, mentre è aumentato quello del costo del lavoro, arrivato ad assorbire più del 56% del valore aggiunto prodotto. Le imprese hanno anche tratto beneficio dal basso livello dei tassi, con l’onere medio del debito stabile intorno all’1%, mentre l’aumento dei debiti finanziari ha comportato un aumento della spesa per interessi.

La crescente complessità ha penalizzato gli investimenti delle imprese, tagliati di circa il 12%, con il tasso di investimento sceso sotto il 21%, segnalando una carenza di quasi 20miliardi di euro in termini di spesa annuale a parità di valore aggiunto. Non si tratta, però, di un problema di risorse. Il saldo dei depositi ha superato i 425 miliardi di euro.

I conti delle imprese mostrano anche gli effetti di un profondo processo di internazionalizzazione. Nel corso degli anni è aumentato l’investimento in azioni e partecipazioni di società residenti all’estero, con l’obiettivo di cogliere nuove opportunità, sia produttive che commerciali. Gli ultimi dati parlano di quasi 24mila imprese estere a controllo nazionale, che impiegano 1,8 milioni di addetti. Una solida base per sfruttare una ripresa che a livello mondiale appare robusta, sebbene diseguale.

Scarica il documento

Vuoi informazioni sulla nostra consulenza e sui nostri servizi?

Naviga il sito e vedi tutti i contenuti di tuo interesse