Letture
7 minuti
Viaggi
Viaggi

Sul monte giapponese Hachimantai c’è un lago la cui forma ricorda quella di un occhio di drago

24 marzo 2021
autore:

Nel 2016, un turista che stava visitando la parte nord-orientale del Giappone scattò una foto dello spettacolo che si trovò inaspettatamente di fronte: un lago semi-ghiacciato solo al suo centro che, se osservato con attenzione, assomigliava a una gigantesco occhio. L’uomo non esitò ovviamente a postare sui social quello specchio d’acqua facendo notare la possibile somiglianza tra il lago e l’occhio di un drago, una corrispondenza suggerita in realtà dagli abitanti del posto già molto tempo prima. Probabilmente il nostro fotografo dilettante non si aspettava che quel ricordo personale potesse diventare virale in tutto il globo, ma ciò accadde in pochissimo tempo. Da allora, in molti hanno deciso di ripercorrere lo stesso itinerario di quel viaggiatore solo per poter vedere il lago Kagami Numa trasformarsi per un breve lasso di tempo nell’occhio di un dragone.

Si crede che il nome del Kagami Numa – in giapponese “kagami” significa “specchio” –  sia stato dato con la precisa intenzione di evidenziare la caratteristica limpidezza dell’acqua, capace di riflettere la luce e le sagome degli alberi d'acero che circondano il lago situato vicino alla vetta del Monte Hachimantai a 1613 metri d'altezza. A parte questo curioso aneddoto etimologico, il Kagami Numa non ha però nulla che lo faccia spiccare rispetto ad altri bellissimi laghi disseminati sulle montagne di tutto il mondo, almeno fin quando non arriva anche a quelle latitudini la primavera.

Durante l’inverno, il “lago-specchio” diventa una lastra di ghiaccio coperta da uno spesso strato di neve che scomparirà solo con la bella stagione. Nei giorni a cavallo tra i mesi di maggio e giugno, il disgelo inizia però in maniera graduale: la temperatura sale infatti prima lungo tutto la circonferenza del Kagami Numa, facilitando lo scioglimento della neve ai lati e creando l'isola di ghiaccio e neve al centro. In quei momenti è anche la pressione dell’acqua a far sì che la coltre bianca sopravviva nel mezzo, mentre attorno tutto si scioglie normalmente. È in quel momento che il Kagami Numa finisce per assomigliare davvero a un “occhio di drago”, anche se solo per appena una settimana: la neve rimasta funge infatti da pupilla mentre il vento fa vorticare l’acqua attorno, facendola sembrare un iride e dando l’illusione che quell’occhio sia qualcosa di vivo, pronto a scrutare il visitatore.

Non deve sorprendere il fatto che si associ questo fenomeno ai bulbi oculari di un dragone, visto che tale creatura è forse una dei simboli più presenti nell’immaginario del Giappone e in generale di molti altri Paesi orientali. D’altronde la leggenda vuole che lo stesso lago sia nato a causa dell’amore tra due esseri umani trasformati in draghi: stando al racconto tramandato nei secoli, sarebbe proprio il sentimento tra le due creature a impedire il completo e immediato disgelo del Kagami Numa.

Quest’ultimo non è comunque l’unico lago giapponese su cui aleggia il fascino di un evento naturale unico. Nell’isola di Hokkaido esiste infatti per esempio pure il cosiddetto Blue Pond (letteralmente “stagno blu”). Questo lago sembrerebbe cambiare colore sotto gli occhi di chi lo osserva ammirato ed è situato sulla riva sinistra del fiume Bie Igawa. Se non si trova sulle vecchie cartine del Giappone è perché ha una storia molto più breve rispetto a quella del Kagami Numa: esiste infatti solo dal 1988 ed è stato aperto ai visitatori per la prima volta nel 2010. Il Blue Pond nasceva d’altronde in origine non per essere un’attrazione turistica ma per rappresentare la soluzione pratica a un problema: dopo l’esplosione di un vulcano nelle vicinanze, si decise infatti di erigere una diga per proteggere l’area e la conseguenza indiretta di tale scelta fu la nascita di un nuovo lago artificiale. Nessuno allora si sarebbe mai aspettato che quest’ultimo sarebbe diventato famoso in tutto il mondo per il suo apparire “multicolore” grazie a particolari giochi di luce.

Vuoi informazioni sulla nostra consulenza e sui nostri servizi?

Naviga il sito e vedi tutti i contenuti di tuo interesse