Gennaio 2022

 

Prefazione

Fase di rapida ripresa finita,tempi più difficili a venire: il 2021 è stato un racconto di rapida ripresa della crescita dopo il lockdown, trainata da forti consumi e da un'impennata della spesa pubblica. Per il 2022, prevediamo un inevitabile rallentamento della crescita più vicino al trend, mentre le difficoltà della catena di approvvigionamento continueranno a ostacolare l'attività di produzione e vendita al dettaglio. Nel complesso, prevediamo una crescita robusta per l'anno a venire, trainata dalla ripresa dei consumi, dalla spesa in infrastrutture e dagli investimenti aziendali.

È esagerato fare confronti con la stagflazione degli anni' 70: il pericolo maggiore per i mercati finanziari globali rimane la minaccia di un aumento dell'inflazione. Strettamente connesso è il rischio di un errore di politica monetaria, qualora le banche centrali si sentissero obbligate a rispondere rapidamente tramite l’aumento dei tassi. Una politica monetaria più restrittiva minaccerebbe la crescita, quando i prezzi elevati dell'energia agiscono già come una tassa aggiuntiva sull'economia mondiale. Non paragoneremmo l'inflazione odierna, guidata dalla ripresa, con la stagflazione degli anni'70, che è stata guidata da gravi shock nell'offerta di petrolio. I tassi di inflazione costantemente elevati e l'incertezza sulla politica monetaria della banca centrale potrebbero aumentare la volatilità dei mercati finanziari.

È in arrivo una nuova era nella crescita della produttività? Il lato positivo del COVID-19 potrebbe essere quello di aver portato una crescita della produttività più rapida, derivante dall'adattamento delle aziende a nuovi modi di lavorare durante il lockdown. Infatti, a causa dei pesanti investimenti nell'infrastruttura IT per consentire il lavoro a distanza e di ulteriori investimenti per rispondere alla forte domanda e alle interruzioni della catena di approvvigionamento (aumentando la domanda di nearshoring), la crescita della produttività potrebbe migliorare notevolmente rispetto ai livelli di crescita contenuti post-2009.

Identificare gli investimenti e il tema delle innovazioni: l'ondata di investimenti governativi e aziendali andrà a beneficio di una serie di settori tra cui materiali da costruzione, produttori di apparecchiature, automazione industriale, sanità, semiconduttori, apparecchiature per le telecomunicazioni 5G, software come servizio (SAAS) ed energia eolica e solare. A  livello regionale, maggiori investimenti dovrebbero essere una manna per l‘Area Euro (zona ad alta intensità manifatturiera), i paesi nordici e l'Asia (Corea del Sud,Taiwan e Giappone).

Cavalcare un nuovo contesto dell’inflazione: oggi vediamo un rischio sostanzialmente maggiore che l'inflazione globale possa rimanere più alta (rispetto al periodo 2009-2020) e più a lungo sulla scia di una potenziale "tempesta perfetta" di fattori inflattivi. Gli investitori farebbero quindi bene a diversificare i propri portafogli allontanandosi dai tradizionali strumenti a reddito fisso e investendo in attività reali e altre soluzioni con copertura dell'inflazione. Continuiamo a privilegiare l'asset class delle materie prime per motivi di diversificazione e per proteggersi dall'inflazione. In particolare, ci piace l'esposizione alle materie prime minerarie e dai metalli preziosi e quelli industriali legati alle energie rinnovabili, come nichel, stagno e rame.

Focus sull’economia circolare – Riparare , Riusare, Riciclare: sebbene gli investimenti ESG sono stati in voga negli ultimi anni, la maggior parte dell'attenzione è stata concentrata sulle energie rinnovabili nel perseguimento di minori emissioni di carbonio. Tuttavia, oltre alla necessità di ridurre le emissioni di carbonio, dobbiamo preservare i nostri ecosistemi terrestri/marini e le risorse preziose, come l'acqua. Da qui il nostro tema dell'economia circolare, che si concentra sul far durare più a lungo beni e servizi attraverso una migliore progettazione e riparabilità, consumando meno risorse chiave e riciclando più di ciò che usiamo per ridurre l'inquinamento.

La fusione di piattaforme multimediali con mondi virtual e tecnologia di realtà aumentata/virtuale è la forza trainante del nostro tema «Enter the Metaverse». Le generazioni più giovani stanno già abbracciando quest'area sotto forma di videogiochi in streaming video e con i giochi di realtà aumentata. Questo è solo l'inizio di quello che crediamo sarà un megatrend tecnologico pluriennale, che comprende anche le teleconferenze e le piattaforme di lavoro collaborative.

Edmund Shing, Global Chief Investment Officer, BNP Paribas Wealth Management

 

Scopri i 5 Temi di investimento per il 2022: 

  • Tema 1 - Un nuovo contesto di inflazione
  • Tema 2 - Individuare gli investimenti e le innovazioni
  • Tema 3 - Riparare, Riusare, Riciclare
  • Tema 4 - Small is (still) beautiful
  • Tema 5 - Entrare nel Metaverso

 

 

 

Vuoi sapere di più sulla nostra Consulenza Finanziaria?

Siamo a tua completa disposizione per supportarti con una consulenza personalizzata.