Letture
8 minuti
Cultura
Cultura

Vincenzo Tiberio, l’italiano che scoprì la penicillina con 34 anni di anticipo

29 settembre 2021

La scoperta della penicillina viene ufficialmente riconosciuta ad Alexander Fleming, che nel 1929 pubblicò le sue osservazioni e ottenne il Premio Nobel nel 1945. Non tutti sanno però che nel 1895 l’italiano Vincenzo Tiberio aveva già notato la capacità delle muffe di curare una serie di infezioni, e aveva già avviato degli studi che lo avevano portato alla scoperta dei primi antibiotici.

La storia del medico italiano che scoprì la penicillina

Primo nella scienza, postumo nella fama”. Così recita la targa a Sepino, in Molise, città natale di Vincenzo Tiberio. Trentaquattro anni prima della scoperta della penicillina da parte di Alexander Fleming, il medico italiano aveva intuito il potere delle muffe contro i batteri, scoprendo per primo l’antibiotico. Una storia poco conosciuta ma che merita di essere raccontata. Perché nonostante le grandi scoperte scientifiche, come riporta la targa dedicatagli dai suoi concittadini, Vincenzo Tiberio non ha ricevuto il giusto riconoscimento per il suo avveniristico lavoro nel campo della ricerca medica.

Vincenzo Tiberio nacque il 1° maggio del 1869 da una famiglia benestante che gli permise di essere circondato dalla cultura sin da piccolo. Già in giovinezza dimostrò un innato senso di osservazione che lo portava a esplorare la campagna circostante, restando affascinato dalla entomologia e dalla botanica. Durante le sue gite si dilettava a catturare insetti e a raccogliere piante che a casa catalogava meticolosamente. Dopo la maturità classica, scelse di intraprendere gli studi di medicina all’Università di Napoli. In quel periodo alloggiò presso alcuni zii ad Arzano, piccolo paesino vicino al capoluogo campano; un luogo che segnò in maniera fondamentale la sua carriera di scienziato e dove cominciò le sue osservazioni per la scoperta del potere antibiotico della penicillina.

Lo studio sul potere battericida delle muffe

Nella casa degli zii di Tiberio, infatti, l’acqua potabile era fornita da un  pozzo frequentemente ricoperto da muffe. Così cominciò a notare una particolare correlazione: quando le muffe venivano raschiate via, i familiari, bevendo, si ammalavano spesso di gastroenterite; quando venivano lasciate o facevano ritorno, invece, erano indenni o addirittura guarivano.

Il giovane medico riuscì subito a cogliere lo stretto rapporto esistente tra le muffe (anche dette miceti )che altro non sono che colonie fungine, e le malattie. Così si procurò alcuni campioni prendendoli direttamente dal pozzo e portandoli nel laboratorio dell’università. Qui iniziò a studiare l’interazione tra le muffe e alcuni tipi di batteri, come colera e streptococchi. I risultati portarono a una scoperta sconvolgente: a contatto con queste colonie, la crescita di tali batteri veniva interrotta. Le muffe presentavano infatti proprietà cosiddette battericide. Tra le specie che componevano i gruppi di miceti osservati, oltre all’Aspergillus flavescens e al Mucor mucedo vi era proprio il fungo Penicillium glaucum, in grado di rilasciare delle sostanze solubili in acqua che inibivano la crescita di determinati patogeni. Non solo Vincenzo Tiberio mise in luce l’importante relazione, ma fu anche in grado di produrre discrete quantità di soluzione acquosa per le sue ricerche. Questa sostanza può essere definita come la prima penicillina, lo straordinario farmaco in grado di far guarire dall’infezione di determinati tipi di batteri.

Al termine del ciclo di sperimentazione in cui era riuscito a dimostrare il postulato iniziale, il medico pubblicò sugli Annali di Igiene Sperimentale lo studio sul “potere battericida delle muffe”. Tuttavia il testo non ebbe, nella comunità internazionale, il successo che avrebbe dovuto conseguire una dimostrazione scientifica di tale portata. Tiberio, deluso dal mancato riconoscimento, si dedicò poi esclusivamente alla carriera militare, imbarcandosi come Ufficiale medico della Regia Marina e abbandonando completamente le sue ricerche.

La scoperta di Fleming e il Nobel nel 1945

Circa 50 anni più tardi, più precisamente il 25 ottobre 1945,  il medico inglese Alexander Fleming ricevette invece un telegramma speciale da Stoccolma che gli annunciava di essere stato insignito del premio Nobel per la medicina. Il prestigioso riconoscimento fu assegnato dalla Fondazione svedese per la scoperta della penicillina, avvenuta nel 1928. Lo scienziato britannico scoprì in maniera del tutto accidentale, come dichiarato da lui stesso, che una delle piastre utilizzate per la coltura di batteri patogeni era stata contaminata dal fungo Penicillium notatum, attualmente denominato Penicillium chrysogenum, il quale aveva creato un “alone di inibizione di crescita batterica”. Vale a dire che era riuscito a impedire la replicazione dei batteri.

Come riportato nei suoi appunti “la contaminazione involontaria di una capsula contenente colonie di Staphilococcus aureus con colonie fungine” aveva generato “un’inibizione della crescita batterica nelle colonie di Staphilococcus aureus”. Da questa prima osservazione passò quindi alla somministrazione ad alcune specie animali infettate dagli stessi batteri che erano stati sconfitti in vitro e, una volta constatata la validità dell’azione della penicillina, alla sperimentazione sugli esseri umani con buoni risultati anche se non ancora completamente efficaci.

Il processo di Fleming si bloccò nonostante gli esiti incoraggianti ottenuti, poiché, a differenza di Vincenzo Tiberio, non riuscì a riprodurre grandi quantità della nuova sostanza al fine di poterla distribuire su larga scala. Inoltre la scoperta derivava da un incidente procedurale e non da una meticolosa e consapevole osservazione come nel caso del medico molisano.

Il riconoscimento postumo per Vincenzo Tiberio

Fortunatamente, un decennio più tardi, il cosiddetto gruppo di Oxford venuto a conoscenza dei risultati pubblicati dallo stesso Alexander Fleming, riuscì a isolare la penicillina in forma parzialmente purificata, ancora più efficace di quella grezza scoperta inizialmente. I risultati furono resi pubblici sulla rivista specializzata The Lancet e aprirono ufficialmente la strada ai moderni antibiotici.

Nel 1947, dopo la premiazione di Fleming, il tenente colonnello Giuseppe Pezzi ritrovò all’interno della biblioteca militare lo studio pubblicato da Tiberio che, grazie alle recenti scoperte, assumeva una nuova importanza. Pezzi riportò quindi alla luce gli scritti dell’Ufficiale medico diffondendo la notizia tramite l’articolo “Un italiano precursore degli studi sulla penicillina”.

Due storie parallele quelle di Vincenzo Tiberio e Alexander Fleming. Eppure, anche se nel caso italiano si può notare un procedimento più meticoloso a livello intellettuale rispetto a quello incidentale del collega inglese, quest’ultimo è quello che è riuscito a conquistare maggiore successo nel campo scientifico. Oggi che la storia è decisamente più diffusa che in passato, nonostante Vincenzo Tiberio resti sicuramente “primo nella scienza, postumo nella fama”, è bene che venga raccontata e che venga restituito prestigio a questo grande medico precursore.

Vuoi informazioni sulla nostra consulenza e sui nostri servizi?

Naviga il sito e vedi tutti i contenuti di tuo interesse